Turbe Giovanili di Fabri Fibra è diventato disco d’oro dopo 17 anni di attesa. Un riconoscimento di cui tutti dobbiamo andare fieri.

Turbe Giovanili di Fabri Fibra è stato certificato disco d’oro, diciassette anni dopo la sua nascita. Come può la memoria non tornare indietro a quando ognuno di noi si è approcciato a questo genere per la prima volta, inconsapevole di entrare in un mondo che non avrebbe più lasciato.

Turbe Giovanili è riconosciuto universalmente come una pietra miliare vera e propria del rap, e perché no, anche della musica italiana per come la vediamo noi. Semplicemente perché appartiene ad un tempo passato, dove c’erano altre ambizioni, altri valori e differenti prospettive, sia per chi questa musica la faceva, che per chi la riceveva. In quel periodo lì molti la coltivavano, la condividevano, cercavano di decodificarne i codici e di darle delle leggi, schematizzarla in un ruolo e tenerla tutta per sé.

Fibra invece non aveva in mente niente di tutto questo, ma ben altro. Fabri guardava già al futuro.

Questo disco è nato perché era l’unica strada possibile da intraprendere per guardarsi dentro e per imprimere a vita la sua voce sopra quella demo – incisa grazie alla fiducia di Neffa e con un master del disco inadeguato – senza la certezza che quei frammenti di vita avrebbero poi preso vita in delle cassette o in dei vinili. Figuriamoci in dischi e varie remastered. Quel disco è nato dalla voglia dell’artista di restare, di non perdersi insieme allo scorrere del tempo che porta via con sé tutto, insieme alla polvere ed ai ricordi. Gli stessi ricordi che anche lui oggi riascolterà con un pizzico di nostalgia ed il cuore pieno di orgoglio.

Dicevamo, molti cultori del genere hanno iniziato proprio con Turbe Giovanili. Alcuni per casualità o perché trasportati dall’insano successo che il sig. Tarducci ha raccolto nel tempo. E sia chiaro, l’importante non è da dove si inizia ma come si approfondisce qualcosa, in base a quanto ci si tiene. Ma è pur vero che tutti coloro che hanno posto le basi del rap italiano con quel disco hanno oggi una mentalità che li accomuna, che permette loro di dare un particolare significato a questa musica, e noi vogliamo porre l’attenzione proprio su questo aspetto.

Turbe Giovanili di Fabri Fibra ha impiegato quasi vent’anni per un riconoscimento che invece è sedimentato dentro chiunque con questo disco ci sia cresciuto già da tempo. Per chi tuttora deve affrontare Nuovi Stili d’insonnia nelle notti di Luna Piena. Per chiunque drizza le orecchie non appena sente la frase “scattano le indagini” al telegiornale e per chi vuole a tutti i costi fare a meno nella sua vita dei Personaggi di Passaggio.

Avremmo potuto fare a meno di questo disco d’oro? No, perché la verità è che un po’ tutti ci sentiamo chiamati in causa da questo traguardo, che ci ricorda come il rap sia in grado di farci sentire parte di un qualcosa che risulta anche difficile da spiegare. Eppure esiste ed esisterà in eterno, proprio come il rap e proprio come Fabri Fibra, innovatore del genere e portavoce di generazioni intere ancora oggi.

Correlato:

Consigliati da Rapologia.it

L'articolo Turbe Giovanili di Fabri Fibra diventa disco d’oro dopo 17 anni proviene da Rapologia.it.