Il rapper svizzero classe ’94 torno online con un nuovo singolo intitolato Will Hunting.

Dopo aver ben figurato in Ultimatum – l’ultimo singolo estratto da La Prova Vivente di Drimer – Mattak rende felici i suoi fan pubblicando online un inedito molto importante per lui e per la sua carriera, dato che di brano in brano le attenzioni e le aspettative su di lui aumentano sempre di più.

Ecco così che dalla mezzanotte di ieri, venerdì 12 aprile, è stato pubblicato su tutti i digital stores Will Hunting, il suo nuovo singolo ispirato al noto film del 1997 diretto da Gus Van Sant e interpretato da Matt Damon e Robin Williams, Good Will Hunting. Nella pellicola due volte premiata Oscar, Will Hunting (Matt Damon) è una sorta di genio ribelle, che lavora in un’impresa di pulizia e riesce a risolvere, sorprendendo tutti, complessi problemi matematici; però possiede un’altrettanta complicata personalità ed è costretto a parlare con diversi psicologi per poterla affrontarla al meglio.

Anche Mattak è costretto troppe volte a lottare con dei propri demoni interiori e da questo scontro è nato un brano ben strutturato, dalla strumentale alle barre, e in cui ci dice che:

“La mia vita negli abissi, un pesce annegato
Ho chiesto al mio cuore di aprirsi
Non riesce, è negato
Mi guardo e mi dici “che scellerato”
Ma in fondo se vi ammazzo tutti
Mi sa che è il mondo che ce n’è grato”

Da apprezzare ancora una volta sono i riferimenti mai banali del rapper di Lontano Da Me che, questa volta, ha tirato fuori dal cilindro artisti come Zdzis?aw Beksi?ski – pittore e grafico polacco del Novecento – David Lynch – regista, sceneggiatore e produttore cinematografico statunitense – e Lemony Snicket, personaggio immaginario inventato (e alter ego) dallo scrittore statunitense Daniel Handler.

“Sogniamo come intimi jazzisti
Trascrivendo l’inferno dai dipinti di Beksi?ski
Me lo sento
Ogni passo è un tugurio in gabbia già improntato
Ce l’ho dentro
Lo spazio più buio che abbia mai incontrato”

Ancora una volta, Mattia Falcone  – questo è il vero nome del nativo di Comano, Canton Ticino – fa centro con un brano non banale sia per contenuto che per struttura metrica e che aumenta ancora di più l’attesa per un suo disco da solista.

Staremo a vedere se nelle prossime settimana ci darà qualche informazione al riguardo, nell’attesa vi lasciamo di seguito lo streaming di Will Hunting di Mattak e il suo quesito finale:

“Perché se pazzo viene da pazzia
Matto da cosa verrà?”

Consigliati da Rapologia.it

L'articolo Mattak nel suo nuovo brano ha gli stessi problemi di Will Hunting proviene da Rapologia.it.