Rolls Royce è il singolo portato da Achille Lauro a Sanremo: vediamo cosa significa questo brano per lui e per il pubblico.

Achille Lauro da un anno e mezzo a questa parte sta abbandonando il rap puro per deviare verso stili e sonorità diverse e sperimentali, e così ecco che passa dal rap alla samba trap con un nonchalance e poi si stufa anche del nuovo genere che ha portato nel 2018 e comincia il 2019 con un brano che strizza l’occhio al rock. Lui lo ha sempre detto – dai tempi di Achille Idol – Immortale – non vuole essere etichettato come “rapper”, ha sempre cercato un’identità propria e inimitabile, Lauro vuole innanzitutto e soprattutto essere artista.

La partecipazione di Achille Lauro a Sanremo ha indubbiamente il pregio della grossa esposizione mediatica, ma porta con sé anche numerosi difetti: tante critiche da parte degli “IND1GNATI!1!” che non aspettano altro che scrivere il proprio (inutile) pensiero sgrammaticato su Facebook, il conseguente rischio di arrivare in fondo alla classifica e infine la difficoltà nel far capire alla propria fan base – abituata a un altro tipo di personaggio – che non ha tradito nessuno con la partecipazione a Sanremo. Semplicemente, la sua scelta è data dalla sua ambizione e dalla volontà di cogliere le chance lungo il proprio percorso.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

FUORI ORA “ROLLS ROYCE” su tutti i Digital Store?????? Tra poco in diretta al DOPOFESTIVAL ? @carlopignatelliofficialpage #carlopignatelli

Un post condiviso da ACHILLE LAURO (@achilleidol) in data:

Vi aspettavate un brano rap alla Pusher o una traccia spinta come CCL o A Casa de Sandro? Se è così allora non conoscete Sanremo, che volente o nolente ha i suoi canoni e i suoi paletti da rispettare, anche per un estroso come Achille.

Quindi ecco che il protagonista in questione cerca la soluzione, proporre al pubblico dell’Ariston un brano rockeggiante, Rolls Royce è ricco di citazioni a grandi artisti e non manca di immaginario eccentrico e spinto.

Durante la serata è palese che la sua esibizione sia stata la più borderline di tutte, risultando totalmente coerente col suo personaggio e il suo percorso pur avendo portato un brano completamente fuori dalle corde alla quali ci ha abituati. Per i veri fan ha anche regalato una ciliegina sulla torta nell’outro del brano.

“Dio ti prego salvarci da questi giorni,
tieni da parte un posto e segnati sti nomi”

In conclusione, tralasciando che possa piacere o non piacere il suo distaccamento dal rap, è da ammettere che in un modo o nell’altro riesce continuamente a sorprendere fan e haters, tra l’altro risultando sempre coerente con se stesso, il suo personaggio e il suo percorso musicale (che è una delle cose più importanti). Probabilmente non vincerà la 69^ edizione del Festival, ma questo non importa perché il suo fine è solamente quello di rompere gli schemi, di spaccare e sorprendere, e in questo ha già vinto.

Correlato:

Consigliati da Rapologia.it

 

L'articolo Achille Lauro a Sanremo: cosa rappresenta Rolls Royce proviene da Rapologia.it.