Sviste giornalistiche, ironie sui rapporti sentimentali e meme che invadono il web: il concerto del Primo Maggio in Piazza San Giovanni a Roma ha lasciato strascichi per Gemitaiz. Dopo alcuni giorni, il rapper romano si è sfogato verso gli addetti ai lavori tramite Instagram Stories:

Allora, finché si scherza, finché fa ridere va bene. Però, per favore, giornali, televisioni, smettetela di accomunarmi come un trapper degli ultimi dieci minuti, ok? Perché va bene ridere, va bene tutto eh, però io sono il king in questa merda, ok? Facevo i mixtape quattordici anni fa, in freedownload, e adesso sto dove sto, quindi studiate prima de rompe’ er cazzo. Io non ho fatto quello che ho fatto nella mia carriera per arrivare a suonare al Primo Maggio, io ho accettato l’invito a una manifestazione. Se sapevo che ne sarebbe seguito tutto questo non ci sarei andato, perché a me non me ne frega un cazzo, perché io faccio la musica, va bene il rap, va bene tutto, ma io mi considero un musicista, non mi considero un rapper. Avete rotto er cazzo, avete rotto il cazzo. Considero la musica che faccio meglio del 90% di tutto quello che esce in Italia, molto meglio. Sarà un parere di parte, ma è così, quindi non mi accomunate. Chi è mai venuto a un concerto mio sa che cazzo significa, sa che significa, sa che metto io nei concerti, nei dischi, nei mixtape, in tutta la musica che faccio. È la mia vita, non faccio ‘sta roba pe’ fa’ due spicci. Se facevo questa roba per fare due spicci m’ero venduto a diciassette sponsor come fanno tutti quanti. No, io faccio i dischi, faccio la musica con l’etichetta mia e basta e voi portate rispetto. A fare il rap mi fate tutti quanti i bocchini dal primo all’ultimo. Giornalisti, presentatori, quarantenni che fate di tutta l’erba un fascio mi fate i bocchini. Io sono io e non faccio la trap non faccio il rapper non rappresento nessun altro se non me stesso e tutta la gente come me. Smettete di associarmi a questi ragazzini in fissa coi gioielli. Smettete di associarmi. Io sono unico e quello che faccio lo faccio solo io. Fatevi una cultura e imparate a portare rispetto a chi mette la passione davanti a tutto.