Chiunque abbia interesse ad approfondire la storia dell’hip hop conosce il suo nome e probabilmente ha già letto anche i suoi libri (tra cui Bigger than Hip Hop, Renegades of Funk, Louder than a bomb e tanti altri). La bellissima notizia, però, è che il suo talento è stato riconosciuto anche all’estero, più precisamente ad Harvard, l’università più prestigiosa del mondo. Dal 2013, infatti, Nas finanzia con un’apposita fellowship (una sorta di assegno di ricerca, in sostanza, vedi conferenza stampa qui sopra) studiosi e artisti che abbiano approfondito le tematiche dell’hip hop in maniera eccezionale e accademicamente valida, ed è notizia di oggi che U-Net ha ottenuto questo prestigioso onore per l’anno accademico 2018-2019. È il primo straniero a ricoprire queato incarico. Congratulazioni, è un traguardo meritatissimo! Viva l’Italia dei talenti da esportazione, nell’hip hop e nel mondo!

Previous post:
Molotov d’Irpinia – Lunga Vita al Re
Next Post:

Classe 1984, inizia a scrivere su Hotmc nei primi anni '00 e dal 2005 ne eredita la gestione. Vive a Milano, dove un po' scrive (Hotmc, Musica Jazz, Rolling Stone, Red Bull Musica eccetera) e un po' fa radio (Babylon, Stay Soul, RadioBattle e Nessuno Mi Può Giudicare, tutti in onda su Rai Radio2). Ogni tanto le capita anche di dormire qualche ora.