Leggi il Testo Zanza Pepito Rella. “Zanza” è una canzone di Pepito Rella estratta da “Masquereal”. Zanza Lyrics

Testo Zanza Pepito Rella

Fra’ l’ho visto e non mi pare vero Io al parchetto che sembravo serio Tre figone come le Serebro Io seduto sopra un BW’s nero I miei soci fanno finta, c’è chi urla: “Baby sei uno schianto” Ed io mi distacco, faccio finta che ho sbagliato branco Ma non c’ha creduto affatto Siga sulle orecchie e rotolone verde che intravedi dalle tasche Tutte mani tatuate con le date, zero sbatti, zero vasche Scusa se ti guardo ma rifletti nella mia occhialata nuova

Basta che mi guardi e ci rifletti, capisci non è cosa

E giuro ci ho provato a fare il bravo Ma alla fine m’hai sgamato che lucidavo le Squalo Non parlo, comunico con la mano

Ma se sei arrivata fino al porticato

Perché tu cerchi uno zanza Che ti dica ti amo sulla panca Che ti faccia piangere e ti manca

Che litiga con chiunque ti guarda

Diglielo a papino che stasera Porterò sua figlia sopra dei palazzi A guardare il cielo grigio di Milano Guarda quelli sono i miei ragazzi Metti questo nella borsa, baci Che lo sbirro non ti tocca, taci Sulle pedaline i tacchi diciassette, io i vestiti dei mercati A tua mamma ho detto Sono imprenditore di me stesso, faccio lavoretti Quando trovo tempo tra caserma ed il parchetto Con sua figlia faccio vino e sesso L’eleganza per me è avere il Camo sulla giacca La collana, la canotta bianca Non pagare mai l’ingresso, non pagare mai alla cassa

Non pagare e basta

E giuro ci ho provato a fare il bravo Ma alla fine m’hai sgamato che lucidavo le Squalo Non parlo, comunico con la mano

Ma se sei arrivata fino al porticato

Perché tu cerchi uno zanza Che ti dica ti amo sulla panca Che ti faccia piangere e ti manca Che litiga con chiunque ti guarda Perché tu cerchi uno zanza Che ti dica ti amo sulla panca Che ti faccia piangere e ti manca

Che litiga con chiunque ti guarda

Testo Zanza Pepito Rella