Il classico di Karate Kid è tornado attualmente in auge grazie a una serie molto popolare che riprende la storia dal punto di vista dell’antagonista molti anni dopo.

E’ uscito un videogioco dedicato a questa operazione nostalgia che è un picchia duro a scorrimento alla Final Fight o alla Double Dragon.

Inizieremo con Eli “Hawk” e Demitri che dopo essere amici finiscono sempre nell’ufficio del preside richiamati per le continue risse. Dovremo quindi scegliere a questo punto da che parte schierarci se dal Cobra Kai o al Miyagi Do.

Nel caso in cui sceglieremo il Cobra Kai vesitremo i panni del protagonista della serie Miguel che riceve un bigliettino di Sam, la figlia di Daniel Larusso, che lo invita al minigolf. A questo punto subiremo un’imboscata da Trey e Cruz mentre se sceglieremo il Miyagi Do vivremo la stessa scena ma nei panni di Sam.

La storia è diversa dalla serie ma avrà tutti i personaggi che abbiamo visto là e quindi mano a mano che procederemo potremo scoprire alcuni dettagli interessanti per la visione globale della serie.

Il gioco è un picchia duro a scorrimento vecchia maniera e una volta scelto il dojo di appartenenza oltre a un set di mosse unico potremo sfruttare alternativamente o il potere del fuoco o quello del ghiaccio.

I combattimenti sono molto divertenti e realizzati con calci, pugni, salti e schivate proprio come i giochi vecchia scuola. Mano a mano che avanzeremo potremo aumentare la nostra barra della super mossa che potremo scatenare sugli avversari, con una combo che infliggerà un sacco di danni agli avversari.

Dovremo anche adottare un po’ di strategia in modo da sbarazzarci degli avversari. All’interno della scelta del dojo potremo anche scegliere fino a quattro personaggi che potremo intervallare durante le sessioni di gioco.

Durante i livelli potremo raccogliere monete oppure eseguire alcune sottomissioni legate ad esempio a distruzioni ambientali o finire il livello senza fare morire nessuno dei nostri personaggi. Se ci riusciremo potremo vincere denaro per potenziare i nostri personaggi oppure migliorare il dojo di appartenenza.

Buono il comparto grafico con uno stile cartoonesco e dei disegni statici ben realizzati per le scene d’intermezzo. Ottimo il comparto sonoro con addirittura il doppiaggio degli attori originali.

Un buon titolo dall’ottima operazione nostalgia.

Voto: 7.5