La longevità nel rap non è qualcosa di facile da raggiungere. Se un artista arriva a cinque anni è considerato un successo. Se arriva a dieci, è un veterano rispettato. Nas è nel gioco da quasi 30 anni ed ora è tornato con il suo tredicesimo album King’s Disease, dopo aver pubblicato classici e album che hanno definito il genere come Illmatic, Stillmatic e It Was Written.

King’s Disease accoglie 13 tracce della durata di quasi 40 minuti. Include solo un singolo principale, la traccia Ultra Black che è stata pubblicata il 14 agosto. Nas torna alle sue radici e offre la sua parte più matura fino ad oggi.

Testi

Il rapper newyorkese imposta il mood di tutto il progetto con le due prime tracce, King’s Disease e la bellissima Blue Benz. Il suo potere da liricista e la sua abilità descrittiva superumana si distinguono fin da subito.

Nel corso della sua carriera, il miglior attributo di Nas è sempre stata la sua capacità di fornire immagini vivide attraverso i suoi testi. Dimostra la sua eccellenza come narratore proprio su brani come Car#85 assistito da Charlie Wilson, parla delle sue esperienze da giovane cresciuto con progetti diversi e di come è stato in grado di evolversi come uomo, attraverso tentativi ed errori. Nas mostra la sua spavalderia in 27 Summers, ostentando il suo debole per il rap di lusso, un pezzo lungo solo due minuti. L’album trova un Nas molto maturo, per il suo ruolo conseguito negli anni, come kingmaker nell’hip-hop e nella cultura nera. Celebra l’eccellenza nera, di tutti quei king (artisti, sportivi o membri della sua comunità) che, secondo lui, non ricevono gli elogi che meritano su 10 Points.

King, gotta learn to let it go and move forwardKing, you should learn to say no, keep all your dough inKing, Michael Jordan gives back and you didn’t know itLike LeBron does, but it’s just seldomly shownKing, get ten points from one bird doin’ your thingKing, ’til one of your homies decide to singKing, I started sayin’ “Peace King” on my song “The Flyest”And after that, it took off like fire, peace,

King

nas

Don Toliver è impegnato in Replace Me dove ci offre la sua versione del pezzone di Ella Mai, Trip, mentre Big Sean interpreta la seconda strofa in cui rappa sulla sua relazione con Jhene Aiko, questo sicuramente è il pezzo più suonabile in radio. Come in Replace me, anche in All Bad (feat. Anderson .Paak) troviamo l’artista assorto in meditazioni, sul rimpianto di una relazione fallita e sul dolore dell’ammirazione retrospettiva per un amore precedente.

Lil Durk, uno dei rapper più importanti del gioco in questo momento, è presente in Til The War Is Won, dove si occupa del ritornello e della seconda strofa. Questa strumentale è perfetto per gli stili di entrambi. Nas usa spesso i suoi album per affrontare questioni come il razzismo sistemico e la violenza domestica, in passato fu accusato di aver abusato della sua ex moglie Kelis, cosa che ha sempre negato. Forse l’aspetto più toccante di questo album di 13 tracce è l’attenzione sui rapporti che gli uomini hanno con le donne e in Til The War Is Won, sfida gli uomini a rispettare le donne nere single e ad apprezzare la lotta costante che affrontano quotidianamente.

“These coward men, that were beating on you (Never me),”

nas 1

Strumentali

L’album sembra molto uniforme perché ha lavorato con Hit-Boy che ha prodotto l’intero disco. Spesso ci sono grandi team di produttori che fanno album hip-hop e funzionano perfettamente, ma c’è qualcosa di speciale in quella connessione tra un artista e un produttore quando fanno un album completo. I ritmi variano tra semplici sequenze di batteria, a brani strumentali jazz lenti e jam dal suono classico. Nas sembra rappare senza sforzo su questi beat – molto più di quanto ha fatto lavorando con Kanye West su Nasir. Con questa collaborazione al fianco di Hit-Boy sembra rivivere la sua creatività, non ha paura di scattare foto ed esaminare criticamente il mondo intorno rimanendo sempre se stesso.

Stile

I concetti di razzismo, l’amministrazione presidenziale sbagliata, povertà e riscaldamento globale sono tutti argomenti affrontati in questo album. La produzione costante di alto livello, insieme alla consegna rinvigorita di Nas, lascia spazio ad un’esperienza audio piacevole e necessaria. Sebbene ci siano stati casi nella sua carriera in cui i suoi testi andavano ben oltre le teste di alcuni dei suoi ascoltatori (in passato ci sarebbero state narrazioni su divinità africane e oscuri costrutti sociali, alle quali solo le persone con un certo livello di conoscenza su quegli argomenti potevano relazionarsi) alienando così il pubblico rimasto, a volte Nas è stato accusato di essere eccessivamente predicatore nella sua musica. Tuttavia King’s Disease è educativo, ma comunque facile da digerire.

King’s Disease funge da linea guida per il giovane maschio afroamericano, su come sopravvivere a molti livelli. Essere orgoglioso di ciò che si è, amare e rispettare la tua compagna e proteggere la tua pace sono tutte lezioni a cui gli uomini afroamericani dovrebbero attenersi per raggiungere la stabilità emotiva, mentale e spirituale. Dal punto di vista sonoro, King’s Disease fa un passo avanti nel dissolvere la reputazione di Nas negli anni passati per aver scelto produzioni sbagliate, tutt’altro che eccezionali in molti dei suoi progetti. Dall’inizio alla fine, questo album smette di deviare dal suo concetto principale e Nas non deve sacrificare la qualità della sua musica per farlo. Prodotto principalmente da Hit-Boy, uno dei produttori giovani e talentuosi più apprezzati del momento, King’s Disease offre un’atmosfera appropriata per i tempi dimostrando la capacità di Nas nel mantenere il suo stile adattandolo, a volte, per regalarci pezzi con featuring di artisti new school. Sicuramente colpisce nel segno come uno dei migliori album rap dell’anno.