Sucker Punch decide di calare il sipario sulle esclusive per Playstation 4 con questo gioco attesissimo da tutta la community.

Il titolo è un ambizioso action adventure con una forte componente open world che è ambientato in un’isola giapponese durante la conquista mongola. Un vero e proprio atto d’amore nei confronti della cultura nipponica che nella trama e nello svolgimento ricorda molto da vicino un classico di Kurosawa. Un Giappone feudale estremamente ricco di fascino.

La storia dura una ventina di ore e procede lineare proprio come un grande classico che ci consentirà di approfondire questo periodo storico con un protagonista dotato di un grande carisma. Il protagonista è Jin, un samurai allevato da suo zio come difensore dell’isola di Tsushima. Dovrà qundi affrontare l’invasore Khotun Khan che ha rapito lo zio. Il primo scontro però vedrà Jin soccombere ed essere recuperato dalla ladra Yuna.

Proprio in questo modo il samurai potrà apprendere nuove tecniche stealth ninja che certo non sono tipiche per un samurai ma che saranno comunque molto efficaci per eliminare i nemici mongoli. In questo modo verremo quindi iniziati alla via dello spettro per eliminare i nemici in assoluto silenzio.

Tutta l’isola diventerà quindi il nostro terreno di lotta e mano a mano dovremo riuscire a impossessarci nuovamente di tutta l’isola. Saremo sempre quindi combattuti se proseguire sulla via onorevole dei samurai oppure avere più efficacia come ninja per eliminare i vari avamposti.

Scorci incredibili e un ritmo che alterna azione a momenti più ragionati rendono Ghost of Tsushima un qualcosa di inedito nel panorama attuale. Gli sceneggiatori hanno infatti infarcito la trama di molti momenti memorabili.

La struttura open world si comporta bene, con una progressione lineare in cui potremo accrescere le caratteristiche del personaggio e migliorarne le varie tecniche. Potremo anche potenziare la nostra katana e il nostro pugnale. Interessante poi l’introduzione del vento che ci orienterà piuttosto che una mappa a schermo, il tutto per un grandioso senso di realismo.

Importanti per i potenziamenti anche i vari pezzi di equipaggiamento che ci consentiranno di attivare vari perks che ci permetteranno di avere la meglio sui nemici. Questo soprattutto per quello che concerne la furtività in modo da non essere notati dai nemici e sfruttare l’oscurità. Potremo anche sbloccare vari stance e stili con la spada diventando così sempre più efficaci e pericolosi.

Ottime poi le boss fight che ricordano un po’ da vicino quanto visto in Sekiro in passato per esempio, con alcuni pattern da imparare e con alternanza tra scontri ravvicinati e a distanza. Un miscuglio di generi che però rendono questo action adventure vincente e godibile.

Fiore all’occhiello della produzione poi è la cosiddetta Photo Mode in cui potremo prendere il controllo della telecamera a piacimento in modo da catturare immagini veramente incredibili.

Ottimo il comparto tecnico, soprattutto per quanto concerne la grafica con una saturazione d’eccellenza e un sonoro impeccabile. L’unico neo forse è rappresentato dalla scarsa intelligenza artificiale di alcuni nemici.

Un grande gioco per concludere alla grande l’epopea gloriosa della Playstation 4. Se poi amate il Giappone feudale il gioco è un acquisto imprescindibile.

Voto: 9