È fuori da venerdì 14 febbraio Che Io mi aiuti, il primo album ufficiale di Bresh.

Quello di Bresh non è sicuramente un nome nuovo nella scena hip hop italiana, e in particolare quella genovese: il capoluogo ligure col tempo è infatti diventato uno dei principali centri propulsivi per la nuova generazione di rapper, i cui nomi più rappresentativi sono riuniti in Che Io mi aiuti, il primo album ufficiale di Bresh, già anticipato dai singoli No Problem, Oblò e Team.

Uscito venerdì per Sony Music Italia e interamente prodotto da Chris Nolan, Shune, Garelli e Andre Blanco, Che Io mi aiuti è un lavoro tanto individuale quanto generazionale: il grande punto di forza della scrittura di Bresh è infatti quello di permette all’ascoltatore di ritrovarsi nelle sue parole e nelle sue storie, con cui è impossibile non entrare in empatia, riuscendo però a non spersonalizzarsi mai.

Il disco è un progetto maturo indirizzato ad un pubblico emotivamente tale: nelle dieci tracce che compongono il disco, Bresh affronta delle tematiche che toccano da vicino la generazione a cui appartiene, come la mancanza di punti di ferimento, il peso delle aspettative che è come quello dell’oceano su un oblò, la paura del futuro che paralizza e la consapevolezza che, in fin dei conti, solo tu puoi salvare te stesso.

A rompere questa concezione universalmente solipsistica dell’esistenza arrivano però gli amici e colleghi storici di Bresh: a prestare le loro penne troviamo infatti Izi, Tedua, Rkomi e Vaz Tè, a dimostrazione – anche in questo caso – di quanto la scena sia più unita che mai.

Qui sotto trovate il link per ascoltare Che Io mi aiuti, buon ascolto!

L'articolo Che Io mi aiuti è il primo album ufficiale di Bresh proviene da Rapologia.it.