Quando hai fatto la storia della scena romana è normale che, dopo un lungo periodo di distacco, ci sia parecchia attesa al tuo ritorno. Anni fa esistevano come Brokenspeakers, un collettivo di 5 amici che con due album sono emersi a livello nazionale. Poi qualcuno ha virato verso altri lidi (ti vedo, Silvano), qualcuno gira video da paura (hai detto YouNuts?)… E gli altri? Be’, dopo anni si sono riuniti sotto il nome di UNABOMBER (leggi qui la nostra recensione). Parliamo di Ford78, Hube e Lucci, amici prima che artisti, che ci raccontano il loro nuovo progetto, pubblicato il 27 settembre per La Grande Onda.

Sai, il rap di un certo tipo è classico, è in qualche modo la base da cui poi puoi partire per mille direzioni. È come il jazz, il rock… Non smetterà mai di esistere o di essere ascoltato proprio per le sue caratteristiche di classico. Puoi ascoltarti qualsiasi deriva che vuoi, qualsiasi innovazione, ma poi se metti su un disco di Coltrane o Illmatic, lo lasci andare e non lo skippi.

Non ci preoccupa molto in realtà. È normale che ci sia evoluzione, è normale che i 20enni ascoltino i 20enni. È musica che parla la loro lingua, dice le cose che vogliono sentire. Noi possiamo solo continuare a fare con onestà quello che ci piace, se poi piace agli altri, bene. Quando parli con gli esponenti di punta di ora, sono tutti ragazzi cresciuti anche con le nostre cose e super rispettosi, per questo in tutto il disco non c’è neanche una rima contro il nuovo.

Perdona la risposta secca… GRAZIE!

Domandone. Allora, i numeri per la roba che facciamo noi sono incredibilmente più bassi della roba mainstream, se guardiamo Spotify, la differenza è abissale. Però, noi abbiamo la fortuna di avere una grossa fan base poco rumorosa sui social che viene ai live e ci supporta con merch e copie fisiche. Quindi sì, in maniera non semplice, ma ci si può vivere.

Si, è un progetto nuovo ed importante al quale sono legatissimo. Si tratta di un insieme di racconti che creano e rivelano una storia, personale e generazionale, una sorta di romanzo formativo insomma. Neorealismo 2.0. Uscirà fra pochi mesi con un’importante casa editrice.