Iodegradabile, ossia Willie Peyote contro tutte le semplificazioni.

Il termine recensione non mi è mai piaciuto, perché ha in sé l’idea della censura e del dire, quindi, cosa va bene e cosa no, e questa è l’ultima delle mie intenzioni se decido di parlare di un disco. Se si analizza un album, il termine più giusto sarebbe riflessione, perché effettivamente si raccolgono in qualche riga i propri pensieri, spunti, pareri e ricordi. E, infatti, questa mia riflessione su Iodegradabile, il nuovo lavoro discografico di Willie Peyote, parte dal primo ricordo che questo disco mi ha tirato fuori e che, paradossalmente, riporta a un altro album del rapper torinese.

Iodegr

Era il 2017 e, da fan di Willie – con il quale abbiamo parlato alla presentazione del disco -, mi gettai su Sindrome di Toret non appena uscì, trovando al suo interno una sorpresa interessante. In 7 Miliardi – che poi sarebbe diventato il titolo di un’altra hit di cui forse avete sentito parlare – c’era un featuring particolare, perché non era di un musicista, ma di un comico: Giorgio Montanini. Lì per lì rimasi sorpreso, restando colpito dal monologo dello stand-up comedian marchigiano, ma nulla di più. Circa un anno dopo, per caso, quella per la stand-up comedy – che prima quasi ignoravo – diventò un’ossessione e, con essa, Giorgio Montanini divenne – ed è tuttora – un personaggio culto, un artista culto, per il quale l’ammirazione è tale da spingermi a spulciare tra interviste e materiale sparso. E non è un caso che, come se si chiudesse un cerchio, la descrizione migliore di Iodegradabile l’abbia data involontariamente proprio Giorgio Montanini.

“Un artista politicamente corretto è un ossimoro. L’artista deve essere rivoluzionario sempre: analizza la società secondo un punto di vista personale. E se dice le stesse cose che dice mio zio al bar […] e se le tue idee sono in linea con le idee classiche di una società, perché sali sul palco?”

Sentire questa definizione mette in difficoltà, perché ci costringe inevitabilmente a ridurre il campo di quelli che reputiamo artisti e a lasciarne fuori qualcuno. Tutti ci emozioniamo quando un cantante descrive le stesse cose che abbiamo provato noi, ma chi fa arte dovrebbe fare un passo in più, dovrebbe dire quello a cui noi non avevamo pensato. Willie, in Iodegradabile, lo fa, e per questo è un artista. Riesce, appunto, ad analizzare la società dandone un quadro personale, ma allo stesso tempo fedele al vero, riproducendone complessità e contraddizioni, che spesso tra loro non trovano una mediazione. Anzi, la cifra stilistica e – prendetela con le pinze – ideologica di questo disco sta proprio nella complessità: Iodegradabile è un album contro la semplicità e le semplificazioni, in tutte le forme possibili.

Lo è innanzitutto dal punto di vista prettamente artistico. La lingua di Willie Peyote è complessa, fatta di sfumature, si adatta alla realtà in maniera precisa, così come le narrazioni che crea, quasi carnose anche nelle ferite che evocano. Sa essere accesa in alcuni punti, diretta e luminosa, chiudendosi invece in una maggiore oscurità in altri momenti. Le produzioni, firmate dai soliti Kavah e Frank Sativa, portano qualcosa che nel rap italiano – perché, ribadiamolo, questo è un disco rap –  tanto spesso non si sente. C’è la black music, e ce n’è tanta e nelle forme più varie, tra una probabile citazione all’Oh mamma mia di Che soddisfazione di Pino Daniele in Quando nessuno ti vede, e giri di basso e batteria che ci fanno pensare a un Anderson .Paak con l’alito che sa di bagna cauda. In certi riff di chitarra e arrangiamenti, però, c’è anche tanto rock, di quello che ci riporta nel Regno Unito negli anni ’90, e questa era una dimensione che mancava negli album precedenti.

E poi c’è la complessità nel trattare ogni tema, e qui si viene al vero quid di questo disco. Per ogni argomento, per ogni dimensione della vita di tutti noi, vengono poste domande e osservazioni che non prevedono una risposta secca, un sì e no rapido, ma richiedono riflessione, analisi approfondita. Nell’intro di Iodegradabile si parla dell’uso che facciamo del tempo ed è proprio con esso che “lavora” questo album, avendolo sia come alleato che come nemico. C’è bisogno di tempo per capire certe cose, o anche solo per iniziare a interrogarcisi sopra; ma, allo stesso modo, di tempo ne abbiamo sempre meno, non c’è la possibilità di soffermarsi a lungo su qualcosa. Perciò proviamo a darci risposte facili perché, nonostante siano imprecise o addirittura sbagliate, ci permettono di andare oltre, rapidi, senza guardarci attorno. Che è quello che un artista fa, che è quello che Willie Peyote fa. La sua scelta lo rende perciò rivoluzionario, perché ha messo su un disco relativamente breve – e che quindi sembrerebbe seguire le logiche del tempo – ma con strascichi lunghi, che non ti levi di dosso facilmente, che ti seguono fino a che non ti siedi e affronti tutti gli interrogativi che l’album pone. Come se volesse forzare le dinamiche nelle quali siamo incastrati.

Willie Peyote

 

E così l’amore c’è in tutte le sue forme attigue e collaterali, nel lato fisico e in quello idealizzante; e così il racconto è cupo, pregno di depressione e senso di vuoto, ma anche ironico, come tutti i dischi di Willie sono sempre stati. E così la politica, che è analisi dei problemi, non si presta a slogan per strizzare l’occhio a questo o a quell’elettorato, attacca i 5 Stelle no vax, ma anche Burioni.

Proprio la politica, intesa come studio della collettività e non come dialettica partitica, è forse l’elemento intorno al quale ruota il disco. Ogni aspetto della vita è filtrato attraverso una chiave “comunitaria”, che riguarda tutti. Anche l’amore, l’esperienza intima per eccellenza, fa comunque muovere la coppia in mezzo alle altre persone, che la influenzano con giudizi e pregiudizi. È un disco politico, quindi, non tanto per gli argomenti trattati, ma per l’approccio, che tende a dare uno sguardo d’insieme a ogni questione, rendendola così collettiva.

Iodegradabile è, quindi, un lavoro che non c’entra nulla col resto, e che per questo ha più valore, perché quel resto prova a intaccarlo. È l’ennesima prova di spessore di un artista che è tale perché si prende la briga di dirci cose che non troppo spesso ascoltiamo altrove, ci fa sedere a riflettere, restando comunque leggero nel senso più positivo del termine. Se volessimo usare categorie semplicistiche, diremmo che è un album anti-populista o, come si legge spesso di troppi lavori discografici, che è tra i dischi dell’anno, come se fosse una gara a premi. In realtà Willie Peyote ci ha “semplicemente” dato un disco come dovrebbe essere, di quelli che, tra qualche anno, non si saranno disciolti, ma avranno mantenuto la loro sostanza, oltre all’imballaggio.

L'articolo Iodegradabile di Willie Peyote è un inno alla complessità proviene da Rapologia.it.