Emanuele è il debutto ufficiale di Geolier nella scena rap italiana. Il risultato? Ottimo

Emanuele, primo album di Geolier, è un disco coi fiocchi. Nel 2019 il rap italiano sta brillando di luce propria, come dimostra l’innumerevole quantità di progetti che riescono a mantenere alti gli standard di produzione: ogni artista sta definendo il suo stile, i produttori hanno allargato i loro orizzonti a dismisura ed il pubblico sembra essere più pronto a ricevere i contenuti di mondi così diversi.

Nessuna eccezione va quindi fatta per Geolier che – nonostante il disco sia rappato interamente in napoletano – riesce a raccontarsi in modo ispirato e vario lungo le 16 tracce del disco. Tra di esse spicca ancora una volta la presenza di Dat Boi Dee, che veste anche i panni del direttore artistico del progetto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

EMANUELE. Il mio primo disco è finalmente fuori ora ovunque. ?? Link in bio.

Un post condiviso da “LE VRAI GEÔLIER” (@realgeolier2) in data:

La scena campana segna quindi un ulteriore punto a proprio favore, presentando un talento cristallino come quello di Geolier. Il rapper – nonostante appartenga alla scuderia BFM – riesce a sostenere assolutamente da solo il peso del primo disco, solitamente il più importante. Emanuele è un disco lungo, completo e complesso, che contiene al suo interno momenti intimi e riflessivi ai quali vengono alternati dei banger veri e propri che sembrano appena usciti dagli studi di registrazione della Republic Records.

Possiamo infine affermare che questo sia un venerdì importante per il rap italiano, che ha visto aggiungersi al suo mosaico dei tasselli importanti come anche il nuovo disco di Mecna, Neverland, e il singolo di Fabri Fibra insieme a Franco 126, Come Mai. Gli appassionati del genere avranno pane per i loro denti sino alla fine dell’anno.

L'articolo Emanuele è il nuovo album di Geolier proviene da Rapologia.it.