È fuori oggi per Virgin Records/Universal Music Italia Neverland, il nuovo album di Mecna in collaborazione con Sick Luke.

Cosa viene fuori se ad uno dei rapper più intimisti della scena si affianca lo storico produttore del collettivo trap più discusso d’Italia? La risposta è Neverland, il nuovo album di Mecna interamente prodotto da Sick Luke e uscito oggi per Virgin Records/Universal Music Italia e anticipato dai singoli Akureyri e Pazzo di te.

Quella fra il rapper foggiano e il produttore capitolino è una collaborazione decisamente inedita, che porta entrambi fuori dalla propria zona di confort per imboccare una strada totalmente nuova e mai sperimentata prima, che poteva essere intrapresa solo incrociando due vie che fino ad ora erano state diametralmente opposte, come affermano i due artisti:

“Il disco è qualcosa di nuovo che abbiamo creato. Se avessi fatto il lavoro da solo o con produttori più affini a me e Luke avesse fatto un album con i suoi soliti collaboratori sarebbero usciti due risultati classici; dall’unione dei due mondi invece è nato qualcosa che non esisteva prima. In questo momento in cui ci sono miliardi di macrogeneri che si influenzano tra loro, noi abbiamo creato il nostro.”

“Lavorare con Corrado e affrontare un genere diverso dal mio mi ha influenzato. Coltivo una passione verso questo stile da tempo. Per me è stata una sfida sperimentare in questo disco, che contiene tantissimi riferimenti. Durante il lavoro Mecna mi dava input per fare le cose diversamente da come sono abituato e mi ci sono buttato. Produrre il disco insieme a dei musicisti inoltre è completamente diverso, ti dà infinite possibilità di creare nuovi suoni. Credo di avere un buon orecchio ma avere al mio fianco due musicisti con l’orecchio assoluto mi ha aiutato molto.”

Ad accompagnare Mecna e Sick Luke in questo viaggio verso una terra inesistente sospesa fra sogno e illusione e in cui rifugiarsi, ci sono artisti con cui il sodalizio è già consolidato (CoCo in Si baciano tutti), nomi affermati della scena connotati – come Corrado – da un’urgenza espressiva fortemente introspettiva e intensa (Luchè, Tedua e Generic Animal in Non dormo mai) e artisti emergenti che rappresentano una scommessa e che dimostrano la capacità e la lungimiranza di Mecna di unire mondi diversi tra loro (Psicologi, Marina, Ainè e Voodoo Kid nella title track).

Il fil rouge di Neverland è ovviamente l’amore, intriso di un’importante componente autobiografica e ancora una volta affrontato da Mecna con la malinconia che da sempre contraddistingue la sua musica, e che grazie all’attitudine visionaria di Sick Luke si veste di suoni diversi da quelli a cui il rapper ci aveva abituati negli anni.

Qui sotto potete acquistare il biglietto per il viaggio di Mecna e Sick Luke verso l’isola che non c’è, ma prima di raggiungerlo potrete godervi Neverland live il 7 novembre al Fabrique (Milano), il 9 novembre alla Casa della Musica (Napoli) e il 10 novembre alle Industrie Musicali (Lecce).

L'articolo Neverland è il biglietto di Mecna e Sick Luke verso l’isola che non c’è proviene da Rapologia.it.